Oggi conosciamo Federica Signorelli, ultima aggiunta al team di Business Development di Rawfish!

Ciao Federica! Di cosa ti occupi? Qual è il tuo ruolo in Rawfish?

Io sono un account, faccio da “cerniera” tra Rawfish e il cliente, quindi seguo sia il rapporto con il cliente che l’aspetto operativo dell’attività.

Da Napoli a Milano, passando per Vicenza per un breve periodo, è stato traumatico?

Non so se traumatico sia la parola giusta ma sicuramente è stato difficile. Questa “nuova vita” mi piace, ma Napoli mi manca e mi manca il mare. Milano è sicuramente una città che offre tantissimi vantaggi ed opportunità in ambito lavorativo, ti permette di crescere molto soprattutto a livello professionale ma mi manca quel senso di infinito e quel guardare oltre che solo dinanzi al mare provi.

Anche se lo devo ammettere: mi sono industrializzata! Metto su il caffè la sera prima di andare a dormire per ottimizzare i tempi di risveglio e soprattutto di uscita dal mondo dei sogni.

La permanenza a Vicenza mi ha ben introdotto all’interno del gruppo, in Rawfish mi sono trovata bene fin da subito, i colleghi mi hanno fatto sentire nell’immediato parte di loro, mi hanno sostenuta fin dal principio e mi sono facilmente ambientata.

Qual è stato il percorso che ti ha portato in Rawfish?

Partiamo da lontano. Ho studiato a Napoli e nel 2016 ho conseguito la laurea magistrale in “Comunicazione pubblica e d’impresa”, ho fin da subito cominciato a lavorare ma ad un certo punto ho sentito come il desiderio di voler cambiare qualcosa e unendo questo alla passione per il digital mi sono detta che forse era arrivato il momento di fare una nuova esperienza. E mentre ragionavo sul quando, il come e il perché farlo mi è arrivata una proposta di lavoro proprio da Milano. Quando la mia esperienza stava per concludersi sulla mia strada ho incontrato Rawfish, che rispecchiava la mia idea di lavoro e i miei valori primari si rispecchiavano appieno nella mission dell’azienda e allora mi son detta “Ma si, perché non provarci!” ed eccomi qui.

Su quale progetto sei concentrata in questo momento? Il progetto più stimolante di cui ti sei occupata?

Attualmente seguo diversi progetti tra cui la nuova app di Virgin Radio e Mediaset Play. Il progetto più stimolante di cui mi sono occupata è sicuramente l’app di Marco Mengoni. Per quanto possa essere stato difficile inizialmente riuscire a capire e gestire le diverse dinamiche che si venivano a creare, mi ha dato modo di imparare tanto. È stato il primo progetto del quale mi sono occupata quando sono arrivata in Rawfish e forse ci sono anche un pochino affezionata, mi ha dato una visione a 360°!

Frase celebre di Federica Signorelli?

“E quann good good, chiù black d’ a midnight nun po’ venì!”

 

E’ una divertente frase in inglese maccheronico che appartiene alla tradizione napoletana e letteralmente significa: e quando buono buono, più nera della mezzanotte non può venire. In pratica è un simpatico modo per sdrammatizzare e quindi reagire quando si verificano situazioni di disagio. Invece di arrabbiarsi, ci si consola dicendo che alla fine, più nera della mezzanotte non può venire!

 

Come darle torto?