RAP - Rent à Porter

Noleggia capi delle migliori griffe di moda, fino ad un mese, nel nuovo applicativo iOS by Rawfish.

Francesco Grappoli, founder di RAP – Rent à Porter ha costruito con noi la sua visione del servizio. Un’idea nata dalle necessità che da giovane condivideva con molti coetanei.

“Per anni ho cercato nel mio armadio qualcosa per piacermi di più, […] per essere parte di qualcosa […] la maggior parte delle cose che cercavo non le ho mai trovate.
[…] RAP – Rent à Porter è l’armadio che in qualsiasi momento, in qualsiasi posto, ognuno di noi può aprire e trovare quello che desidera.

Come partner tecnologico, oltre allo sviluppo iOS dell'app, abbiamo lavorato in team con il Cliente per definire: esperienza d'acquisto, aspetti di usabilità, identità visiva dell'app.

Ci siamo occupati di

UX/UI design
Sviluppo iOS
Back end development

Tecnologie

Team Rawfish

Durata

12 mesi

Pubblicata

Novembre 2023

Analisi dei competitors e focus sul contesto

L'idea di Francesco si inseriva perfettamente tra le nuove tendenze del consumo: inclusione e sensibilità alla questione ambientale.
Il primo step della progettazione, ha visto il team immerso nell'attività di benchmark. Abbiamo cercato e analizzato vari casi di successo. La raccolta di plus e minus di ogni caso trovato ci ha permesso di delineare con maggior sicurezza i perché e i come del servizio che volevamo sviluppare.

La ricerca è sempre fonte di nuove riflessioni e anche stavolta ci ha permesso di tracciare dei contorni più definiti del nuovo progetto:

  • nessun legame ad eventi specifici ma uno strumento utile nella quotidianità;
  • i capi offerti sono contemporanei e iconici, rivolti al gusto della generazione-Z;
  • il servizio si propone come una soluzione per rendere l’arte del mondo della moda più accessibile a tutti;
  • inclusione, nessun riferimento a fisicità o genere

Quotidianità

Riconoscibilità

Inclusione

Arte e moda

La vera sfida per il team di design è stata la messa a terra dei flussi di noleggio e reso dei capi. Esse dovevano conciliare con le esigenze e le tempistiche dei rispettivi player coinvolti nel servizio. Operatori dedicati all’igienizzazione e preparazione della spedizione, i corrieri, gli utenti finali.

“Ogni progetto nasconde la sua challenge, in questo caso risiedeva nella creazione un flusso di prenotazione ad hoc.”

Annalisa

UI / UX Designer

Mappatura iniziale dell’app mobile e wireframing.

Il diagramma swimlane ha costituito le fondamenta per la definizione di architettura informativa, user flow e impostazione dei contenuti di ciascuna view. Essi sono stati studiati e ponderati assieme al Cliente. L’obiettivo è fornire un servizio ottimizzato e al contempo comunicare le idee innovative e gli obiettivi del progetto.

Adattamento della UI alla brand identity.

Definita la struttura dell’app e le funzioni in V1, atomi e molecole del design system sono stati vestiti seguendo le linee guida del brand. Il risultato è un’interfaccia dark-mode minimale che lascia ampio spazio ai prodotti “rentabili”, il verde RAP - Rent à Porter pone l’accento sugli elementi interattivi e di rilievo.

User interface e design finale

Home vetrina

La home presenta i prodotti. La lista è navigabile verticalmente e ogni singolo prodotto è valorizzato grazie agli scatti macro utilizzati. L’obiettivo è esaltare i capi e dichiarare il livello dell’offerta sin dai primi instanti di navigazione.

Vision e progetti a supporto

Dalla home gli utenti possono conoscere la reason why di RAP – Rent à Porter e i progetti dai valori affini che sostiene come partner. Chi noleggia i capi diviene l’anello di una catena virtuosa attenta ai valori quali sostenibilità e attenzione all’ambiente.

L’armadio dei sogni

Per aggiungere un capo al proprio armadio dei sogni è sufficiente selezionare l’icona gruccia nel dettaglio prodotto. Lo si potrà ritrovare facilmente nella sezione armadio. Il pattern riprende il canonico salvataggio di un elemento preferito nella propria lista.

Flusso di renting.L’esperienza di noleggio guida l’utenza passo passo fino al checkout

Scegli la taglia

Scegli il periodo

Vedi il costo e paghi

Profilo: storico e tracking degli ordini

Dal profilo, l’utente può gestire gli ordini e visualizzarne lo stato di avanzamento.
Può inoltre richiedere informazioni al costumer service o consultaer le domande frequenti.

Il renting dietro le quinte

Il processo di sviluppo del servizio è stato da subito sfidante. In particolare costruire la logica di gestione del calendario. L’infrastruttura si basa su due parametri: la disponibilità dei capi e la possibilità di renting, quest’ultima risponde a requisiti di natura logistica. All’utente vengono presentate solo le date disponibili per il noleggio del capo. Quando quindi il prodotto è già stato adeguatamente elaborato per il renting e quando non già assegnato ad altri utenti.

Il Backoffice esercente

Il backoffice è stato strutturato su base Retool. Strumento innovativo adatto ai progetti start-up che ha permesso di velocizzare i processi di sviluppo e rendere operativo il servizio in tempi record. L’interfaccia permette di gestire i capi e gli accessori in stock, visualizzare gli ordini in entrata e aggiornarne manualmente lo stato.

“La base dati è stata strutturata per permettere l’espansione del sistema, modificare le varianti prodotto in base alle esigenze del cliente”

Luca

Back end area manager

Sviluppo IOS tramite Swift UI

L’app è stata sviluppata sfruttando il nuovo framework ottimizzato da Apple, riducendo al minimo i tempi di programmazione.
Le componenti UI sono state assemblate a partire da una libreria interna facilitando l’implementazione di comuni funzionalità come la navigazione o il salvataggio di dati in locale.

“SwiftUI è stata una scelta efficiente. Offre un riscontro immediato tramite preview, molto utile per il test della UI”

Davide

Android & iOS developer